lunedì 15 ottobre 2012

"A gran giornate": l'opinione di Luca Gallo

Mi ha scritto su facebook l'amico Luca Gallo:
"E' la prima volta che leggo un romanzo di uno scrittore che conosco di persona e questo mi ha emozionato non poco. Il romanzo è scritto molto bene e merita un posto importante in libreria (Nora Musetti, la bibliotecaria del tuo libro, ci terrebbe molto ad averne una copia). Le avventure raccontate mi hanno evocato opere di Bosch (sopratutto nella ricostruzione mentale della tua creatura), film di Fellini per come si susseguono le avventure dei personaggi e per come sono scritti i dialoghi e dal punto di vista letterario; ho letto di spunti da Petrarca, Dante, Leopardi, Petronio e Jules Verne, io ho trovato analogie con l'ultimo Calvino e con Buzzati (racconti). Il finale del libro è strepitoso e lascia al lettore un'inquietudine che lo porta ad una riflessione per analogia alla nostra quotidianità. Bravo Claudio, davvero."

Nessun commento: