mercoledì 4 febbraio 2015

"La stagione delle processioni" su Zibaldoni

Sulla rivista letteraria online "Zibaldoni e altre meraviglie" diretta da Enrico De Vivo, nella rubrica "Da una provincia di confine", compare un nuovo contributo, intitolato "La stagione delle processioni". Ne riprendo la parte finale, invitandovi a leggere il resto su quell'eccellente rivista.

… Mi sono sempre chiesto (nei dormiveglia, quando anche i pensieri più oziosi pesano come rimorsi) come finiscano queste processioni. Prima o poi, rimugino, ne seguirò una, fino in fondo, fino a che il gonfalone non viene posato, la banda non tace, le confraternite non si sfaldano verso i bar, i reggitori di ceri non accatastano i ceri e si tengono le schiene doloranti, i preti non chiudono gli innari, i chierichetti non si sparpagliano a giocare, le campionesse del latte non vengono riportate sui camion, gli scout non corrono a cambiarsi, ed è tutto un rispondere ai cellulari o agli auricolari, un parlare da soli a voce troppo alta, un gesticolare al vento, un ridere forzato. I funzionari più in vista già li so fuggiti prima, al primo angolo di strada, una volta superato il centro cittadino e scemata l’attenzione del pubblico – simulano una chiamata urgente, levano le braccia in segno di scusa, ammiccano ai colleghi e si defilano in un vicolo, dove li aspetta un sottoposto con una cartella, o una donna che vorrebbe tanto trovarsi altrove.

http://www.zibaldoni.it/2015/01/26/la-stagione-delle-processioni/

Nessun commento: