venerdì 15 gennaio 2016

"Neve, cane, piede": un capitolo inedito su Zibaldoni

La rivista Zibaldoni e altre meraviglie, diretta da Enrico De Vivo, ospita "Teschi dimenticati", un capitolo inedito del mio romanzo "Neve, cane, piede". Ne riporto qui l'introduzione, invitandovi a leggere il resto su Zibaldoni.


Quando un libro è finito, anzi è già passato attraverso il vaglio di molteplici letture e diverse paia d’occhi lo hanno limato, ricomposto, spulciato per bene, ed è giunto il momento di accompagnarlo in giro, nelle presentazioni, nelle interviste – ecco, proprio allora il libro pretende di essere ancora vivo, di avere altro da dire. I personaggi vi si agitano ancora, arzilli più di prima, ed esigono spazio e pazienza. Vorrebbero vivere altre avventure, o almeno essere coinvolti in altre situazioni. Si accontentano anche di poco, una comparsata in una paginetta occasionale, un cameo in un booktrailer, magari una rentrée in un altro libro. Sono come quegli ospiti che, accompagnati alla porta di casa, quasi congedati dopo una serata piena di chiacchiere, trovano lì per lì altri argomenti, e si riparte daccapo, in piedi, al freddo. Io non so mai dire di no ai miei personaggi: è capitato con “Rapsodia su un solo tema”, che ha generato inediti anche a distanza di anni, sparsi su riviste, su blog e su programmi di sala da concerto; è capitato con le partecipazioni straordinarie di alcuni vecchi personaggi in “A gran giornate”. Adelmo Farandola, il protagonista del breve romanzo “Neve, cane, piede” pubblicato con cura ammirevole da Exòrma è ancora qui, insomma, qui tra noi, nonostante la fine che farà: così, dopo l’uscita in libreria (il 26 novembre), non ho saputo rinunciare a mettere per iscritto un paio di episodi che avrei potuto inserire nel romanzo ma avrebbero alterato l’equilibro delle parti, o avrei potuto scrivere ma mi sono venuti in mente troppo tardi. Questa che segue è una di quelle pagine – chiamatele appendici, postille, extra, bonus o come vi pare. Da sola, qui su Zibaldoni, ha un suo perché, mi pare.

http://www.zibaldoni.it/2015/12/09/9737/

Nessun commento: