sabato 22 agosto 2009

Wunderkammer: Museum für Naturkunde

Il Museum für Naturkunde di Berlino ospita alcune opere finaliste di un concorso internazionale di imbalsamatori. Si resta ammirati dinanzi alla bellezza e al realismo degli animali in mostra, soprattutto se si hanno presenti gli sgorbi impolverati e improbabili di cui le cantine di tutti i musei scientifici traboccano. Quella volpe addormentata con una mosca che passeggia sul naso pare sognare; è umido il naso di quell’antilope virtuosisticamente in equilibrio su un solo arto; i due cuccioli di volpe avvinti nel sonno inspirano tenerezza; così le due giovani volpi in un accenno di zuffa scherzosa. Certo, il pensiero che siano solo pelli svuotate e riempite d’uno scheletro metallico, di legno e di segatura compressa un po’ disturba; e non rassicura nemmeno che quegli esemplari così amorevolmente composti, suggeritori d’una natura benigna, di un’arcadia in placida fase REM, sono stati uccisi prima di essere trattati per sembrare così vivi – uccisi, tutti, anche i volpacchiotti che, per la loro fragile necessità di protezione, ci ispirano pulsioni genitoriali.

Nessun commento: