sabato 12 gennaio 2013

L'intervista su "Pulp Libri"

"Se si ripercorre la produzione del romanziere aostano, si resta leggermente interdetti: cosa tiene insieme una storia di fantasmi come Nora e le ombre, un gotico di provincia come Le larve, un sofisticato romanzo storico sulla musica contemporanea come Rapsodia su un solo tema. Colloqui con Rafail Dvoinikov, il compatto noir dalla vena grottesca e satirica Il sangue del tiranno e la stralunata epopea di sfigati A gran giornate? Mi verrebbe da rispondere: la considerevole padronanza delle tecniche narrative dimostrata dall'autore, la sua inarrestabile capacità di intrecciare vite e situazioni, nonché una prosa di grande pregio. Ma lascio che sia Morandini stesso a raccontarci come sia riuscito a produrre in così pochi anni un quintetto di romanzi così diversi e così originali ed efficaci."

Così inizia l'eccellente intervista che Umberto Rossi mi ha dedicato sulle pagine del numero 101 (gennaio/febbraio 2013) di "Pulp Libri", che naturalmente vi invito a cercare, come si dice sempre, nelle migliori edicole - ma anche in quelle così così, via.

2 commenti:

Loris Biazzetti ha detto...

Ho provato a chiedere alle migliori edicole aostane, e anche a quelle così così, ma in nessuna ho trovato traccia del fantomatico PULP (in alcuni casi perché l'unica copia arrivata era già stata venduta, ma più spesso perché i giornalai interpellati erano totalmente all'oscuro dell'esistenza stessa della rivista). Tristezza, per favore va' via... :-(

Claudio Morandini ha detto...

In effetti è un po' tardi, il numero di Pulp è uscito il mese scorso... Rimedieremo, comunque, dai!