lunedì 11 maggio 2009

Clodoveo Moro: dalla "Sonettaja Massima"

XVI
Pur viene il tempo che l’estate fugge
lassando al freddo turbo le pratòra
et io di te vado piangendo ancora,
e il tuo desir ancor dentro mi rugge.

So ch’è destino che il bel tempo mora
nel tempo che già l’anno vecchio mugge,
ma esto pensier ogni consolo sugge
dentro lassando vuoto, e ghiaccio fora.

Già mi sei larva, e pur nol credo, clara;
miro l’oriente ove romba il tifone
e l’orrido iemal draco si para,

e penso e piango il loto che m’impone
Cronòs a l’alma che più non m’è cara
s’è di te priva e di tua profusione.


XVII
Fu passeggiar di diva in sagro luco,
et io veniva a lei dietro pensoso
come la bava segue al piè del bruco,
dal suo fulgor il mio candor nascoso.

E dialogammo del fatto amoroso,
lei dolce i’ cupo, e al dire un mesto muco
venìa negli occhi miei sanza riposo,
pel lagrimar che in cor facea gran buco.

Tutta loqueva lei, mite donzella,
lassando a me l’udir, ch’io non son bono
di dir concetti più savi che quella,

né pur volevo, muto a quel bel sono
le chiostre aprir a mettere favella,
ma sospirar soltanto, smorto truono.

Nessun commento: