venerdì 8 maggio 2009

Clodoveo Moro, dalle "Rime sparse"


"Vent'anni, nulla; un feto ne la culla"

Vent'anni, nulla; un feto ne la culla
meno di me non ha, che ne guadagna.
La mente impone, ma n'è resa grulla;
il corpo mugge, e invan canta la lagna.
Chieggio perdon sanza saper cagione,
a chi non so, né se il priego s'impone.

****

"Murmuri fronde, albere benigne"

Murmuri fronde, albere benigne,
a me rezzo porgete, ch'a voi lasso
ristò mirando attonito le pigne
immote gravitar sul cranio in basso;
non volli amar, ma amore mi ricinse
a larva altera e fredda che mi vinse.

****

"È più magnalmo quel turpe tiranno"

È più magnalmo quel turpe tiranno,
Mesenzio detto, che ai carcami lega
orridi il prigionier che putrefanno,
reputo, ch'Ero che barbaro nega
te pace o tregua o spiro e ti ricinge
a feminil carcassa o secca sfinge.

Nessun commento: