venerdì 27 novembre 2009

Le fonti di "Nora e le ombre": Giovanni Bosco, 7

Di giovedì, si medita sull’inferno. “La prima pena che i dannati patiscono nell’inferno si è la pena dei sensi, i quali sono tormentati da un fuoco che brucia orribilmente senza mai diminuire. Fuoco negli occhi, fuoco nella bocca, fuoco in ogni parte. Ogni senso patisce la propria pena. Gli occhi sono accecati dal fumo e dalle tenebre, atterriti dalla vista dei demoni e degli altri dannati. Le orecchie giorno e notte non odono che continui urli, pianti e bestemmie. L’odorato soffre oltremodo pel fetore di quello zolfo e bitume ardente che soffoca. La bocca è crucciata da ardentissima sete e fame canina. (…) Onde quegli sventurati, arsi dalla sete, divorati dalla fame, tormentati dal fuoco, piangono, urlano e si disperano. Oh inferno, inferno, quanto sono infelici quelli che cadono nei tuoi abissi! Che ne dici, figliola mia? Se tu avessi a morire in questo momento, dove andresti? Se ora non puoi tenere un dito sopra la fiammella di una candela, se non puoi soffrire nemmeno una scintilla di fuoco sulla mano senza gridare, come potrai reggere allora tra quelle fiamme per tutta l’eternità?”.
La meditazione continua trattando l’atroce rimpianto del dannato che ha conosciuto finalmente ciò che ha irrimediabilmente perduto con il peccato.
Il venerdì, il tono non cambia e l’argomento si fa ancora più tetro, perché si parla de “L’eternità delle pene”. “Considera, figliola mia, che se andrai all’inferno, non ne uscirai mai più. Là si patiscono tutte le pene e tutte in eterno. Passeranno cent’anni da che tu sarai nell’inferno, ne passeranno mille, e l’inferno incomincerà allora; ne passeranno centomila, cento milioni, passeranno milioni di secoli, e l’inferno sarà da principio. (…) Almeno il povero dannato potesse ingannar se stesso e lusingarsi col dire: Chi sa, forse un giorno Dio avrà pietà di me, e mi caverà da questo baratro! Ma no, neppur questo: egli si vedrà sempre scritta dinanzi la sentenza della sua eternità infelice. (…) Quello poi che ti deve colmar di spavento, è il pensare che quella orrenda fornace sta sempre aperta sotto i tuoi piedi, e che basta un sol peccato mortale a farviti cadere. Capisci, figliola mia, ciò che leggi? Una pena eterna per un sol peccato mortale, che commetti con tanta facilità. Uno scandalo, una profanazione dei giorni festivi, un furto, un odio, una parola, un atto, un pensiero osceno basta per farti condannare alle pene dell’inferno. (…) Oh quante nel fior di loro età abbandonarono il mondo, la patria, i parenti, e andarono a confinarsi nelle grotte, nei deserti, vivendo soltanto di pane ed acqua, anzi talvolta di sole radici d’erbe, e tutto questo per evitare l’inferno!”.

Nessun commento: